CUNEO CRONACA - Sono 37.936 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid comunicate lunedì 19 luglio all’Unità di Crisi della Regione Piemonte (dato delle ore 18.30). A 33.343 è stata somministrata la seconda dose.

Tra i vaccinati, in particolare, sono 6143 i 16-29enni, 6586 i trentenni, 11.197 i quarantenni, 7311 i cinquantenni, 2446 i sessantenni, 1577 i settantenni, 516 gli estremamente vulnerabili e 174 gli over80.

Dall’inizio della campagna si è proceduto all’inoculazione di 4.429.659 dosi, corrispondenti al 95,2% di 4.652.110 finora disponibili per il Piemonte. E' arrivata la prima tranche delle 40mila dosi aggiuntive ottenute dal presidente Cirio da parte della struttura commissariale. Si tratta di 15.210mila dosi Pfizer, a cui si aggiungeranno le restanti 25mila.

Sono partite le adesioni per la vaccinazione dei 12-15enni non fragili e al momento sono oltre 6200 le richieste. Si ricorda che si può aderire sul portale www.ilpiemontetivaccina.it, oppure rivolgendosi al pediatra di libera scelta o al medico di medicina generale. Una volta raccolte le prime adesioni, partiranno le vaccinazioni. Sono già iniziate lunedì scorso invece le adesioni per i fragili di questa fascia d’età che in Piemonte sono circa 1.500, su una platea complessiva di 154.500 12-15enni. Al momento tra i fragili hanno aderito in 504 e 126 sono stati già vaccinati.

Giovedì 22 e venerdì 23 luglio verranno inoltre attivate due Open Nigth a Torino aperte ai cittadini di tutto il Piemonte (la prima presso l’hub del Lingotto per gli over 18 e la seconda presso l’hub di Reale Mutua per i 18-28enni). Le adesioni si apriranno domani sul portale www.ilPiemontetivaccina.it.

Durante la riunione dell’Unità di crisi si è parlato di alcune delle modalità per ottenere il Green pass nazionale. In particolare coloro che sono guariti da meno di 6 mesi e non hanno ancora ottenuto il relativo certificato di guarigione valevole per il Green pass, così come coloro che essendo guariti da meno di 6 mesi hanno ricevuto una sola dose di vaccino e devono ottenere il Green pass definitivo (non temporaneo) saranno regolarizzati presumibilmente nell’arco della settimana, attraverso il riallineamento dei dati in corso in questi giorni sulla piattaforma informatica nazionale che genera i certificati verdi.

Si ricorda anche che ogni codice ricevuto serve a scaricare uno specifico documento: nel caso quindi di green pass da tampone, vaccino o guarigione i codici saranno tre diversi e ognuno darà accesso allo specifico certificato.