Ci sono anche gli ospedali cuneesi tra i 335 impegnati, a livello nazionale, nella promozione della medicina di genere e che si distinguono per l’offerta dei servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili.

Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha assegnato i bollini 2020-2021: tra i 96 ospedali che hanno ricevuto il massimo riconoscimento (3 bollini) c’è il S. Croce, tra quelli (167) a cui ne sono stati assegnati 2, ci sono Savigliano e Mondovì. Una particolare attenzione quest’anno è stata rivolta al tema della depressione, che riguarda 3 milioni di persone in Italia, di cui più di 2 milioni sono donne.

"La nona edizione dei bollini rosa – spiega Francesca Merzagora, presidente Fondazione Onda – rinnova il nostro impegno nella promozione di un approccio gender-oriented all’interno delle strutture ospedaliere riconoscendo l’importanza della sua promozione attraverso servizi e percorsi a misura di donna, in tutte le aree specialistiche".

(Nelle foto: il direttore sanitario dr. Giuseppe Noto con la presidente del Cug Grazia Maria Alberico; il direttore generale Corrado Bedogni, sanitario di azienda Monica Rebora e sanitario di Presidio Alessandro Garibaldi  con alcuni collaboratori)