FIORELLA AVALLE NEMOLIS - Durante il primo lockdown, a marzo 2020, non è passata inosservata quella vetrina dell'Atelier Retrò di Bra, in provincia di Cuneo, allestita con abiti da sposa di colore nero, realizzati in carta, tra l'altro bellissimi, con i manifesti a lutto del mondo del wedding.

La titolare non si è arresa. Per venerdì 26 abbiamo ottenuto l'autorizzazione per partecipare come gruppo "Insieme per il wedding" alla manifestazione "Siamo stati dimenticati!", in programma venerdì 26 febbraio, alle 10, in piazza Galimberti a Cuneo, commenta entusiasta Donatella Baj di Retrò Spose.

E continua: Noi commercianti della provincia di Cuneo ci siamo accodati un po' all'ultimo. Però siamo arrivati in tempo. Purtroppo in tutta la regione l'unica piazza che accoglie la manifestazione "Siamo stati dimenticati" è quella di Cuneo. Così mi sono proposta per il Piemonte, come referente del gruppo nazionale 'Insieme per il Wedding' e con la titolare di Alca Spose di Cuneo abbiamo appoggiato la manifestazione.

Come si svolgerà la manifestazione?

Venerdi, dalle 10 alle 13, saremo un nutrito numero di commercianti della provincia di Cuneo per il comparto wedding, presenti in piazza Galimberti, a Cuneo. Senza corteo e rispettando rigorosamente le normative anti Covid: distanziamento di un metro e mascherine. Lo scopo è di richiamare pacificamente l'attenzione per sostenere i lavoratori autonomi di tutta Italia del comparto wedding. Abbiamo esteso a tutte le categorie correlate del wedding, la macchina che ruota attorno ai matrimoni comprende moltissime attività: abiti da sposa e sposo; addobbi floreali; agenti di commercio; agenzie viaggi; bomboniere; catering e ristoranti; fotografi e videomaker; intrattenimento e dj; lista nozze; location; oreficerie; makeup e hairstyling; wedding planner.

Quali sono in sostanza le problematiche?

L'incertezza sulle chiusure, soprattutto quelle riguardanti la ristorazione, che impedisce di fare programmi e quindi di prenotare i locali per lo svolgimento del pranzo o del rinfresco. E' una catena che coinvolge tutti i lavoratori autonomi del comparto wedding, compresi i dipendenti.

Come si regolano le spose per l'acquisto dell'abito?

Non possono fare previsioni, molte di loro hanno rimandato le nozze. C'è anche chi invece, avendo già acquistato l'abito, è stato costretto a rimandare a data incerta.

Cosa rappresenta per la sposa l'abito per la cerimonia?

Rappresenta ancora il sogno di ogni donna. Quando indossano l'abito entrano già nell'atmosfera, iniziano a vivere quel momento di emozione e di gioia da condividere con parenti ed amici. C'è una nuova tendenza: molte coppie si sposano già con prole. E' divertente e anche commovente vedere i bimbi che accompagnano le mamme e partecipano ai preparativi, la vivono come una festa, quale è.

Che messaggio volete dare con questa manifestazione?

Un'immagine di speranza e di festa ai futuri sposi, per ripartire con le dovute precauzioni a sostenere i loro sogni.

La speranza è un prestito fatto alla felicità!" (Antoine Rivarol).

Fiorella Avalle Nemolis