CUNEO CRONACA - Probabilmente quando si pensa all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (provincia di Cuneo) e al territorio patrimonio Unesco in cui si trova, si pensa ad un ateneo in cui alta cucina e vini di eccellenza sono all’ordine del giorno. Lo studio della cultura del cibo, però, significa anche fare ricerca e analisi di nuove tendenze, sperimentare attraverso la percezione sensoriale e, perché no, infrangere tabù alimentari e sfatare luoghi comuni.

A questo proposito, nel cuore delle Langhe, sabato 15 maggio per le Giornate Fai di Primavera 2021, l’Università di Scienze Gastronomiche è aperta su prenotazione ai visitatori e propone un workshop presso il Laboratorio di Analisi Sensoriale sotto la guida della professoressa Luisa Torri, dedicato al tema "Insetti a tavola? Valutazione sensoriale di potenziale cibo sostenibile del futuro". Il laboratorio è una attività esperienziale e informativa della durata di 30 minuti e prevede la valutazione di insetti di diverse specie, quali potenziali nuovi alimenti del futuro sostenibili e ricchi di nutrienti. 

In particolare, ogni partecipante avrà la possibilità di assaggiare 7 specie diverse di insetti comunemente consumati nei paesi asiatici e di esprimere il proprio giudizio in merito al gradimento, di descrivere come si percepisce ogni insetto e di suggerire con quali alimenti potrebbe essere abbinato. A partire dalle 13 fino alle 17.45, sarà possibile in piccoli gruppi partecipare gratuitamente al test. Per prenotazioni scrivere, citando nell’oggetto “test UNISG” e indicando uno dei seguenti orari (13:00; 13:30; 14:15; 14:45; 15:30; 16:00; 16:45; 17:15) a braeroero@gruppofai.fondoambiente.it.