Continua il viaggio dei coraggiosi apisti che hanno percorso 4.086 chilometri attraverso 5 Paesi, in 11 giorni, per raggiungere il punto più a nord dell'Europa. Sono Davide Rabbia, 55 anni, titolare della Trattoria Roma di Cuneo e Angiolo Gragnaniello, 71 anni, di Montemurlo (provincia di Prato), entrambi alla guida della loro Ape Piaggio.

Arrivati a Capo Nord, i due driver non hanno esitato a rimettersi in viaggio. Sulla strada del ritorno hanno percorso già più di duemila chilometri (6250 in totale) nonostante abbiano incontrato il maltempo e avuto dei ritardi a causa di problemi tecnici ai mezzi, fortunatamente risolti. Ora si trovano al confine con la Polonia.

"Il percorso ha subito una variazione - ci racconta il ristoratore centallese - in quanto non avevamo considerato che sotto la Lituania c'è un'exclave russa, un territorio nel quale non abbiamo potuto accedere perché senza Visto. Il tempo è sereno, ci accompagna sempre un vento fortissimo, ma non fa freddo".

Sui due mezzi i protagonisti hanno caricato tutto ciò di cui avevano bisogno per non usufruire mai di alberghi o rifugi. Davide Rabbia non è nuovo a questo tipo di impresa: la primavera scorsa è andato Medjugorje e con il suo compagno di avventura è riuscito a raggiungere, sempre a bordo della mitica Ape, Sarajevo.

(Foto di Davide Rabbia del viaggio di ritorno da Capo Nord)