Il minestrone è piatto antico e universale. Ad ogni cucchiaiata si gusta la bontà del patrimonio naturale e culturale di un territorio. Donate la vostra verdura e venite ad assistere alla performance teatrale "Il minestrone dei racconti", in cui gli artisti di Terract narrano di biodiversità, confini e libertà, giovani e montagna, della Val Vermenagna e della Val Roya.

Una festosa parata teatrale con 100 giovani, artisti, cittadini, musicisti, associazioni e gruppi locali martedì 13 agosto, dalle 9 alle 21, attraverserà le vie di Vernante e Robilante, in provincia di Cuneo, e passerà di finestra in finestra chiedendo in dono carote, zucchine, cavoli e altre verdure per cucinare un ottimo minestrone.

Ai partecipanti è richiesto di portare una scodella, un cucchiaio e del pane da condividere. L'evento è gratuito e aperto al pubblico. "Tutti gli appuntamenti sono creati insieme alle comunità del territorio" precisano gli organizzatori, che ringraziano tutti gli enti, le associazioni, i gruppi locali e i cittadini che prenderanno parte alle iniziative di Terract.

Concerti, balli, performance teatrali hanno già animato Limone Piemonte e invaderanno ancora Tende (7 agosto, dalle 21, con la proiezione del film Le Grand Bal), Vernante e Robilante (13 agosto), Breil sul Roya (14 agosto), il Forte del Colle di Tenda (16 agosto).

L’evento finale sarà una performance corale ispirata al libro La Nazione delle Piante di Stefano Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia vegetale, che ha già ispirato un’esposizione in corso alla XXII triennale di Milano.

Tutti "gli attori" scendono in campo per mettere in pratica l'obiettivo di Terract e la sua metodologia: ogni comunità è potenzialmente in grado di valorizzare il proprio patrimonio, ma deve riscoprire competenze e risorse nascoste.

Attraverso il linguaggio teatrale si può reinterpretare il patrimonio culturale e naturale e trasformarlo in un racconto fruibile sia dagli abitanti locali che dai turisti. La Terra, in questo caso, è la regione che si estende tra Cuneo e Nizza, caratterizzata da un patrimonio culturale e paesaggistico unico.

(Foto tratta dall'evento Facebook di Terract)