In un quadro internazionale complesso, in cui l'economia globale soffre ancora i postumi di alcuni importanti sviluppi del 2018 (tensioni commerciali, Brexit), l'indagine previsionale di Confindustria sulle imprese della provincia di Cuneo per il secondo trimestre 2019, fa tirare un sospiro di sollievo.

Se ad una fine dell'anno più "cupa" è seguito un rialzo, se pur timido, a inizio 2019, a livello provinciale i risultati evidenziano un significativo miglioramento del clima di fiducia, tuttavia le previsioni restano sostanzialmente ferme su un livello basso malgrado la presenza di piccoli segnali di rimbalzo (export, occupazione).

Nel particolare, tra le imprese manifatturiere si registra un forte recupero di quasi tutti gli indicatori. Salgono le aspettative sulla produzione, decisamente negative a dicembre, e allo stesso modo gli ordini, sia interni che export. Il ricorso alla cassa integrazione scende ancora. Si rafforza la propensione ad investire.