Settantotto nuovi cantieri per l’ambiente e il territorio apriranno grazie alla Fondazione Crt, che ha assegnato 1 milione di euro (+16,2% rispetto allo scorso anno) per interventi di prevenzione e salvaguardia del suolo in Piemonte e Valle d’Aosta.

Le risorse, assegnate a Comuni e Unione di Comuni con meno di 3000 abitanti tramite l’ultima edizione del bando “Protezione Civile Piccoli Comuni - Cantieri per l’Ambiente e il Territorio”, sono destinate ad azioni per la difesa del territorio e il riassetto idrogeologico: in particolare, opere di messa in sicurezza e mitigazione dei rischi naturali, quali alluvioni, frane, smottamenti, incendi, ripristino dell’alveo dei corsi d’acqua, consolidamento dei versanti dei fiumi, prevenzione degli incendi, tutela delle risorse idriche.

Questi interventi si innestano in un contesto locale e nazionale particolarmente fragile: negli ultimi sei anni in Italia sono stati aperti 87 stati di emergenza (7 in Piemonte e 2 in Valle d’Aosta) e i danni accertati sono stati stimati attorno ai 9 miliardi di euro (Report Laboratorio Ref Ricerche, frutto elaborazione di dati Ispra e Protezione civile, 2019).

“Settantotto nuovi cantieri verranno aperti nei prossimi mesi con le maggiori risorse messe in campo da Fondazione Crt per costruire una rete di protezione e prevenzione capace di far fronte alla grande sfida della tutela dell’ambiente e del cambiamento climatico, a partire dalle realtà locali – afferma il presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –. La difesa del territorio, bene prezioso che dobbiamo consegnare alle future generazioni, deve divenire policy consolidata ed essere in cima alle agende di tutte le istituzioni, anche di quelle filantropiche, come emerso anche durante gli ‘Stati Generali’ della Fondazione CRT”.

“Vogliamo cambiare il paradigma passando dall'emergenza alla prevenzione, in linea anche con le raccomandazioni della Commissione europea, perché la cura dell’ambiente è una chiave fondamentale del benessere di ciascuno – dichiara il segretario generale della Fondazione Crt e presidente di Efc Massimo Lapucci –. Questa ‘rivoluzione’ culturale ha anche un impatto significativo in termini di efficientamento delle risorse investite per la salvaguardia dell'ambiente, se pensiamo che gli interventi per prevenire le calamità naturali nel nostro Paese costano mediamente sette volte meno rispetto a quelli necessari per far fronte alle emergenze”.

Il progetto Protezione Civile Piccoli Comuni ha permesso di realizzare fino a oggi 1181 interventi in difesa del suolo, con uno stanziamento complessivo di Fondazione Crt pari a 12 milioni di euro.

In provincia di Cuneo sono 18 gli interventi previsti:

Bastia Mondovì: contributo per opere di salvaguardia e ripristino lungo strada comunale Lavoruzzo;

Battifollo: contributo per interventi di messa in sicurezza e stabilizzazione di un versante presso il depuratore comunale;

Bossolasco: contributo per opere di sistemazione idrogeologica di un versante a nord del centro abitato;

Crissolo: contributo per la realizzazione di opere di stabilizzazione pendio presso il nuovo magazzino comunale;

Frabosa Soprana: contributo per intervento di consolidamento lungo la strada della Seccata;

La Morra: contributo per lavori di sistemazione idrogeologica presso Borgata Rossi;

Lisio: contributo per opere di ripristino del versante a valle di via Casazza;

Magliano Alfieri: contributo per lavori di messa in sicurezza del Rio Moisa;

Montaldo Mondovì: contributo per lavori di ripristino della sezione di deflusso del Rio Roamarenca a seguito di una frana;

Neviglie: contributo per opere di consolidamento versanti;

Nucetto: contributo per lavori di ottimizzazione del sistema di drenaggio delle acque meteoriche e di esondazione;

Paesana: contributo per lavori di sistemazione alveo del Rio Lauria;

Pagno: contributo per lavori di completamento delle difese spondali del Torrente Bronda;

Priocca: contributo per un intervento di consolidamento presso Strada Roagna;

Venasca: contributo per un intervento di consolidamento versante in località Borgata Abelly;

Vernante: contributo per interventi di tutela e salvaguardia del territorio lungo il Torrente Vermegnana;

Unione di Comuni colline di Langa e del Barolo: contributo per interventi di manutenzione straordinaria sul Rio Rataldo;

Unione montana del Monte Regale: contributo per interventi di regimazione delle acque superficiali.