Pochi anni prima della morte, avvenuta ad Amboise, in Francia, nel 1519, Leonardo Da Vinci aveva decantato le qualità della quarzite Bargiolina, pietra che può essere estratta soltanto da due cave ubicate sul Mombracco, apprezzandone con entusiasmo le qualità e la durezza in un breve appunto contenuto in un suo manoscritto, il Codice "G" attualmente conservato all’Archivio Nazionale di Parigi: la pietra, estratta dal "Mombracho sopra Saluzo" veniva descritta "biancha come Marmo di Carrara senza macule". In queste poche righe si palesa l’apprezzamento di Leonardo per la quarzite Bargiolina, unico prodotto piemontese chiaramente citato dal genio toscano.

Per celebrare il legame tra Leonardo e il Mombracco, già da tempo turisticamente noto come la "montagna di Leonardo", il Comune di Barge ha organizzato un ricco calendario di eventi in occasione della ricorrenza del cinquecentesimo anniversario della morte. Il programma sarà illustrato in conferenza stampa venerdì 22 marzo alle 16,30 presso l’Antico Refettorio San Giovanni, in via San Giovanni 9/a, a Saluzzo.

A seguito dell’incontro con la stampa Luca Mana, conservatore delle collezioni del Museo Accorsi-Ometto di Torino, presenterà la conferenza "Revello 1519: Scelte figurative della corte di Saluzzo tra regno di Francia e ducato di Milano" alla quale succederà la lettura-concerto "Le Donne di Leonardo: presenze angeliche e armoniche nel Rinascimento Italiano" con letture di Marco Piccat, accompagnato dal canto e dalla musica d’arpa di Anne-Gaelle Cuif. Nel corso del pomeriggio verrà inoltre presentato il progetto “Leonardo tra le Nuvole”, che prevede la realizzazione di un cortometraggio sul Monte Bracco con il coinvolgimento degli ospiti del Centro Diurno Le Nuvole di Saluzzo.

Tra gli eventi organizzati spiccano conferenze, convegni e momenti di inaugurazione di beni restaurati o di percorsi turistici ripristinati: tutti fanno da contorno all’appuntamento principale in calendario, che è costituito dalla mostra "Leonardo homo sine tempore", che evidenzierà l’eccezionalità della figura di Leonardo e il suo essere capace di intuizioni che lo pongono in dialogo diretto con la nostra contemporaneità. A sottolineare questo aspetto la straordinaria esposizione di venti modelli provenienti dalla collezione della famiglia fiorentina Niccolai, la più grande raccolta privata di macchine di Leonardo da Vinci a livello mondiale: di varie dimensioni, i modelli sono stati realizzati seguendo alcuni dei disegni più famosi del genio rinascimentale.

Gli eventi, che hanno ottenuto il patrocinio della Regione Piemonte, la collaborazione del FAI, delle associazioni “Vesulus”, “G.A.I.A. – Guide Arte Identità Ambiente” e “Cosma”, dell’Università degli Studi dell’Insubria, della facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, del Comune di Saluzzo e dell’ATL del Cuneese, sono organizzati dal Comune di Barge in qualità di Capofila della Convenzione tra i Sei comuni del Mombracco, che comprende anche Envie, Paesana, Revello, Rifredddo e Sanfront, e con la collaborazione dell’Unione Montana dei Comuni del Monviso e dell’Unione Montana Valle Infernotto.
Tutti gli appuntamenti in calendario sono inseriti nel programma di iniziative “Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro”, coordinato dalla Città di Torino per celebrare i 500 anni della morte di Leonardo da Vinci.

Il calendario degli eventi

Venerdì 22 marzo 2019 a partire dalle ore 17.30

Saluzzo - Antico Refettorio San Giovanni, via San Giovanni 9/a
Revello 1519: Scelte figurative della corte di Saluzzo tra regno di Francia e ducato di Milano
Conferenza di Luca Mana, Conservatore delle collezioni del Museo Accorsi-Ometto di Torino.
Le Donne di Leonardo: presenze angeliche e armoniche nel Rinascimento Italiano
Letture di Marco Piccat accompagnato dal canto e dalla musica d’arpa di Anne-Gaelle Cuif.

Sabato 30 marzo 2019, ore 17

Sanfront - Sala polivalente, piazza Statuto.
Inaugurazione mostra contest fotografico Mombraccoinfoto
In esposizione le venti foto selezionate e le trenta foto dei vincitori.

Da aprile a settembre

Visite naturalistiche e storico e artistiche a tema
Proposte da Associazione Culturale Sportiva Dilettentistica VESULUS di Rifreddo e Associazione Culturale G.A.I.A. – Guide Arte Identità Ambiente di Saluzzo nell’ambito del programma Gran Tour organizzato da Abbonamento Musei Torino Piemonte.

Da domenica 5 maggio a mercoledì 3 luglio

Inaugurazione domenica 5 maggio ore 16 con annullo filatelico figurato dedicato a Leonardo da Vinci
Barge - Ex officine ferroviarie, piazza Stazione 4.
Leonardo homo sine tempore
Mostra di modelli della collezione Niccolai, la più grande raccolta privata di macchine di Leonardo da Vinci a livello mondiale. In mostra anche stazioni multimediali touchscreen con trascrizioni di alcuni libri/disegni di Leonardo da Vinci e la possibilità di svolgere laboratori didattici.

Venerdì 10 maggio 2019 dalle ore 15

Barge - Salone Multimediale Ludovico Geymonat, via Monviso n. 1
Leonardo Da Vinci scienziato, filosofo ed artista. Le radici dell’umanesimo scientifico.
Giornata di studio con gli interventi “Leonardo scienziato e filosofo” di Fabio Minazzi (Università degli Studi dell’Insubria), “Leonardo Da Vinci e gli strumenti tra arte e scienza” di Sara Taglialagamba e Gino Tarozzi (Università di Urbino Carlo Bo), “Leonardo artista e scienziato” di Rolando Bellini (Accademia di Brera, Milano) e “Sull’ermeneutica leonardiana” di Marco Marinacci (Università Telematica “E. Campus”).

Domenica 12 maggio 2019 ore 10

Barge - Locanda della Trappa, via Montebracco n. 63
Inaugurazione lavori di recupero dei sentieri dell’“Anello di Leonardo”, con relativa web map, e punti di belvedere.
Inaugurazione dei punti belvedere realizzati su alcuni degli affacci più significativi del Mombracco e dei lavori di recupero della rete storica dei “Sentieri di Leonardo” che percorrono a mezza costa l’intero perimetro della montagna.
Presentazione della guida “Il Mombracco”
Guida nata con lo scopo di valorizzare le eccellenze del territorio, coniugando le valenze naturalistiche, storiche e culturali attraverso un progetto integrato. Prefazione dell’Arch. Paolo Pejrone

Domenica 12 maggio 2019 ore 15

Barge - Trappa di Mombracco
Il profumo “Leonardo”
Percorso emozionale legato alla presentazione del profumo “Leonardo”, creazione della profumiera Carmelina Novembre; madrina dott.ssa Paola Casagrande

Domenica 12 maggio 2019 ore 16

Barge - Certosa di Mombracco, via Montebracco
Inaugurazione restauro affreschi della Certosa di Mombracco e della sala capitolare
Inaugurazione dei lavori di recupero degli affreschi rinascimentali e della sala capitolare della Certosa.

Sabato 29 giugno 2019 ore 21

Barge - Parrocchia di San Giovanni Battista, piazza San Giovanni
Postludi per Leonardo - Musiche antiche per tromba e organo
Concerto di musica antica per tromba e organo. All’organo il Maestro Mauro Maero e Silvia Depetris, alla tromba il Maestro Marco Bellone.

Martedì 2 luglio 2019

Barge - Ex officine ferroviarie, piazza Stazione 4
Convegno “Mombracho sopra Saluzo – La montagna di Leonardo” – Il paesaggio come risorsa del territorio
La giornata sarà così articolata:
mattino: convegno con relatori esperti nel settore, tra i quali il Prof. Aimaro Isola, l’Arch. Paolo Pejrone e Responsabili del Settore Paesaggio della Regione Piemonte
pomeriggio: visita alla Certosa del Mombracco, ai siti di cava, alla vigna sperimentale realizzata sul Mombracco a cura di Arch. Paolo Pejrone e dott. Mauro Camusso, con un vitigno di malvasia riconosciuto come caratterizzante la vigna di Leonardo a Milano; visita ai punti di belvedere del Mombracco e conclusione lavori presso la sala capitolare.
Curatore scientifico: Prof. Maurizio Gomez, Politecnico di Torino – Facoltà di Architettura
Il convegno, aperto a tutti, prevede il riconoscimento di crediti formativi per gli ordini di architetti, ingegneri, agronomi, geologi e geometri.

Data da definire
Barge - Salone Multimediale Ludovico Geymonat, via Monviso n. 1
Leonardo da Vinci e le acque: radici storiche, attualità e importanza dello studio dei sistemi fluviali
Il Parco del Monviso, impegnato nella realizzazione del Centro per lo Studio dei Fiumi Alpini in alta Valle Po, ricorda la particolare sensibilità ed attenzione rivolta dal poliedrico uomo di scienza ai sistemi fluviali ed all’acqua, sottolineandone l’importanza nel contesto attuale e dibattendo temi e problemi della salvaguardia dei fiumi e delle acque.